Sin City 2

sin-city-2-alba-poster

Aspettare 10 anni per una roba così. Superficiale e forse scadente. Sin City non fa eccezione alla regola del secondo film, sempre inferiore rispetto al primo. Non c’è innovazione e non c’è spessore. Gli effetti grafici sono calcati ancora di più. Solo il cast è eccezionale: Mickey Rouke, Jessica Alba, Eva Green, LADY GAGA, Bruce Willis, Joseph Gordon-Levitt, Jamie Chung.
Alla fine Sin City 2 risulta piacevole e godibile per passare una serata con amici. E forse sarà fantastico se avete 14 anni. Basta, niente più.
Stupenda, però, Eva Green.

Sin City - A Dame To Kill For (2014) 061 l-affiche-de-sin-city-2 Sin-City-A-Dame-to-Kill-For

1394625638_258284_1394625828_sumario_normal

Lady Gaga. La preferivo in Machete.

Lady Gaga.

Ripubblico quest’articolo sulle uova di Pasqua per non dimenticare. (2014)

Come ben sapete non può mancare da questa pagina il post sulle uova di Pasqua, che per me esercitano sempre una notevole attrazione.

10155121_779866302033048_950985207_n

Il risultato dell’avvicinarsi della Pasqua è che in meno di dieci giorni ho preparato per ben due volte di seguito dei biscotti, ed io in cucina sono una che non ci sta mai.

Poiché inizio a perdere il conto delle sorprese (molte davvero piccole, in quanto provenienti da uova piccole) che stanno apparendo, inizio ad elencarle.

0001903_300.jpeg

Miniuovo di Minnie. Era misteriosamente insapore. All’interno vi ho trovato:

nemo e minnie

Sarebbe un portafoglietti.
Il secondo invece è un fantastico pesciolino uscito da un mini-uovo di Nemo Lindt.
Piccolissimo, ma grazioso.

peppa

Dall’uovo di Peppa Pig, il cui cioccolato è diventato cookies.

cookies

Poi ci sono le uova dell’Eurospin da 75 centesimi.
Non compratele mai. Almeno non per la sorpresa.
Questa è davvero la peggiore di tutte.
Un braccialetto in plastica di quelle scadenti, da MONTARE, e che non mi va. Sarà per bambine…

040

Queste sono carine ed erano legate a delle mini-uova senza marca sempre del discount.

uova la cioccolateria

Tutto il resto è stato perso negli anni, negli sconti delle uova Lindt dopo Pasqua e specialmente nella pancia.

Vizio di Forma

Vizio di forma Motivi per vedere questo film: indubbiamente l’attraente locandina e l’atmosfera anni ’70. Motivi per non vedere questo film: ve lo dico con il cuore in mano, se non siete dei tossici, ma dei tossici veri, non fatelo. E se siete dei tossici, assicuratevi di entrare in sala strafatti: è solo questo il modo di capire a pieno l’essenza del film, se siete dei comuni fruitori dei cinema. Sì, perché l’obiettivo del regista Paul Thomas Anderson è quello di confondere le idee, ma questo non per una crudeltà nei confronti degli spettatori bensì utilizzando lo smarrimento come strumento di narrazione. Questo è perlomeno ciò che ho appreso analizzando in un secondo momento il film, e realizzando che non era solo colpa mia se non avevo capito niente. In realtà, a capire si capisce, ma la domanda costante è: perché? dove sta andando questo film? dove sarà la risoluzione finale? QUANDO FINISCE? E le cose che accadono sono misteriose – lontane dalla vostra realtà – questi anni ’70 non vi sono mai sembrati così distanti e la California così lontana, voi che l’avete vista in continuazione nei film e un po’ poco sul serio. L’intero film è intriso di un fascino e di una confusione che avvalorano il vostro senso di colpa per essere scesi a vedere mattoni dopo le 22. Pensate ancora: ma dove ho sbagliato? Erano invitanti locandina, trailer, cast, regista, tutto. In Vizio di Forma confrontarsi rincuora, perché con il passare delle ore capite che non è colpa vostra. E inizia anche a piacervi, con il passare dei giorni, poiché apprezzare una pellicola del genere vi conferisce un certo fascino intellettuale e masochista . Pragmatico ancora di più Cosmopolitan (la nota rivista femminile, ovviamente), che affianco ai consigli per il cinema di questo mese, presenta un vibratore arcobaleno, per loro intonato all’estetica anni ’70 del film di Paul Thomas Anderson. Che dire, anche loro hanno capito davvero tutto. In effetti in Vizio di Forma una scena di sesso c’è, e anche piuttosto spinta: un footjob più del sesso discretamente violento, accompagnati da dialoghi piuttosto tintobrassiani, dato che l’ex fidanzata del protagonista Doc Sportello, prima di unirsi carnalmente a lui, descrive con attenzione il suo vissuto con un altro uomo, lo scomparso palazzinaro Wolfmann che l’aveva presa come amante. La scena non risulta erotica bensì gratuita, eppure interessante: inserita in un altro contesto, forse all’inizio del film, credo che in molti l’avremmo apprezzata tantissimo, ma Vizio di Forma stordisce con tutti questi dettagli, cavilli, personaggi, le molteplici situazioni che dall’esterno appaiono decisamente insensate, da non farci avere neanche più voglia di sesso. Consigliato? No. Bello? Forse. Attendo di leggere il romanzo di Thomas Pynchon per fare luce nella nebbia che invade Inherent Vice. Ma non è detto. Vedremo. Regia: Paul Thomas Anderson (The Master, Il Petroliere, Ubriaco d’amore, Magnolia) Cast: Joaquin Phoenix (Her, The Master, Two Lovers, Walk the line), Josh Brolin, Owen Wilson, Benicio del Toro, Katherine Waterstone, la musicista californiana Joanna Newsom come narratrice (per chi non la conoscesse, andate subito ad ascoltarvi Ys o qualcos’altro a caso), un po’ di donne di cui metterò le immagini più sotto. Interessante anche la colonna sonora, curata da Jonny Greenwood (Radiohead): Can, Neil Young, The Marketts, lo stesso Jonny Greenwood, e un po’ di altre cose.

Inherent Vice

Katherine Waterstone nel suo vestito “borghese”.

Per chi vuole vederla un po’ nuda, cliccare qui: qui. cdn.indiewire.com

INHERENT VICE

Jena Malone, dolce madre con i denti bucati dall’eroina.

still-of-sasha-pieterse-in-inherent-vice-(2014)-large-picture

Sasha Pieterse – Japonica – una ragazza con qualche problemino anche lei.

OST
1 – Shasta – Jonny Greenwood
2 – Vitamin C – Can
3 – Meeting Crocker Fenway – Jonny Greenwood
4 – Here Comes the Ho-Dads – The Marketts
5 – Spooks – Jonny Greenwood, Gaz Coombes e Danny Goffey con Joanna Newsom
6 – Shasta Fay – Jonny Greenwood
7 – Les Fleur – Minnie Ripperton
8 – The Chryskylodon Institute – Jonny Greenwood
9 – Sukiyaki – Kyu Sakamoto
10 – Adrian Prussia – Jonny Greenwood
11 – Journey Through the Past – Neil Young
12 – Simba – Les Baxter
13 – Under the Paving-Stones, the Beach! – Jonny Greenwood
14 – The Golden Fang – Jonny Greenwood
15 – Amethyst – Jonny Greenwood
16 – Shasta Fay Hepworth – Jonny Greenwood
17 – Any Day Now – Chuck Jackson