Her

Samantha ma con quante persone parli mentre parli con me?”.
“8316″
“E di quanti di questi ti sei innamorata?”
“641. Ma questo non danneggia l’amore che provo per te”

1908286_276342379201121_1626087766_n

Un film dalle infinite sfaccettature. Ve ne parlerò.
(Se non me ne dimentico)

Pompeii

Pompeii-trailer-poster

Contrariamente ad ogni pregiudizio, chiunque abiti nella provincia di Napoli troverà interesse nel vederlo. Se non soffre d’ansia da eruzione vulcanica.
E’ una stupenda storia d’amore, senza scadere nel banale, nello stucchevole e specialmente senza scadere nell’amore.
Le popolazioni sanguinarie e le storie sui gladiatori sono sempre fighe. Emily Browning, che mi è piaciuta in Sucker Punch, e Kit Harington, sono i protagonisti di Pompeii.
Alla fine muoiono tutti. Se vi irritano i lieto fine, il Vesuvio, ovviamente, non delude.

Dello stesso regista, Paul W.S.Anderson, c’erano Mortal Kombat, Alien vs Predator e Resident Evil. “Garanzie”, insomma.

A me “Pompeii” è piaciuto davvero molto.
Come per Sucker Punch, non mi vergogno di dirlo.
Merita. E non l’avrei detto, anzi, se non m’avessero regalato il biglietto del cinema con la ricarica del telefono, non sarei neanche andata a vederlo.

Consigliato.

pompeii-movie-2014-paul-w-s-anderson-kissing-scene

Ci pensi ogni tanto alle rane? L’ultima volta ti ho visto cambiato, bevevi un amaro al bancone del bar, perchè il tempo ci sfugge ma il segno del tempo rimane.

1537516_10202898810222998_389795725_o