Tradizionale post post-pasquale

Cioccolato ai cereali dà dipendenza.

1 – Un dinosauro di peluche

2 – Un triceratopo di peluche

3 – Un braccialetto di legno di SANTO DOMINGO

4 – Un braccialetto in madreperla e sassi di fiume

5 – Una fascia per capelli degli orsetti del cuore

6 – Un portaspiccioli rosa con un ippopotamo

7 – Una gomma gatto da un ovetto piccolo

8 – Un gioco dell’oca

(Sorprese post pasquali, faccio tutto questo per tenere traccia di tutto l’anno prossimo)

Presto ricette per disfarsi di tutto questo cioccolato.

083

085

086

Annunci

Tradizionale post di Pasqua

Tradizionale post di Pasqua sul contenuto delle uova Pasquali. Noto che quest’anno sono stata particolarmente fortunata, un sacco di cose belle.
Le elenco in ordine di apertura.

Uovo Kinder "I Cuccioletti della Savana"

Uovo Kinder “CUCCIOLETTI DELLA SAVANA” che ho preso poiché attirata dall’immagine del felide sulla confezione. Delusa di averci trovato un elefantino e non un tigrotto o un leoncino, ho poi capito che si tratta del figlio di un altro peluche che mi son ritrovata in casa per Pasqua. E’ stato il Destino.
Sullo sfondo Spongebob dell’uovo di Spongebob.

Bruchina Trudi, Uovo Paluani

Questo è stato strepitoso. La fortuna è dalla mia parte. ADORO I BRUCHI e questa è una bruchina rosa bellissima. Meravigliosa.

Casa di Spongebob (Uovo Dolci Preziosi Spongebob)

CASA DI SPONGEBOB. Mettendo l’occhio nell’oblò si possono osservare stupende scene di vita quotidiana di Spongebob e i suoi amici, che cambiano se premi sul tubo azzurro. Totalmente insensata. Ricordate: quando state per aprire un uovo con un pupazzetto, quasi sicuramente all’interno ci sarà qualcosa di insensato perché la sorpresa principale è il pupazzetto che già vedevate fuori. Questo vale anche per le uova di Pasqua senza pupazzo di personaggi che a voi piacciono tantissimo, ad esempio per l’uovo di Heidi, lo comprate sperando nel peluche di Fiocco di Neve e invece ci trovate gli adesivi del nonno.

Gomma per cancellare Fashion

Questa è la sorpresa trovata nell’uovo di Pasqua di qualità infima che compare ogni anno donato da enti misteriosi e che puntualmente lascia stupiti per la bruttezza delle sue sorprese. Il 90% delle volte è un temperamatite. Quest’anno è una gomma + matita di donna fashion. Come dire, sono stata fortunata anche in questo (rispetto a ciò che mi aspettavo).

Uovo Kinder di Hello Kitty con borsellino e portamine

L’UOVO KINDER DI HELLO KITTY. L’uovo più ambito dalle bambine (anche di più del corrispettivo Dolci Preziosi di Hello Kitty) IO L’HO AVUTO.
In foto trattasi di un borsellino per la scuola (che userò sicuramente) con portamine di Hello Kitty. Il portamine reca la lettera C, forse iniziale di Chitty. Bellissimo. Danaroso. Trattasi del dono del fidanzato sotto esplicita richiesta di uovo Kinder. Vi metto anche il retro.

Uovo Maxi di Hello Kitty con astuccio portamatite e portamine

Per non dimenticare l’alfabeto.

Tartarughina Kinder

Questa non mi appartiene ma non può essere dimenticata. Trattasi di una splendida tartarughina sempre Kinder che ci ha accompagnato per tutto il viaggio Basilicata Coast To Coast. Giustamente, al mio fidanzato pieno di barba e grosso il doppio di me, non posso che regalare l’uovo con i cuccioletti della savana. Tenero.

Pulcino Caffarel

Pulcino di cioccolata Caffarel preso in una pompa di benzina calabrese a Pasquetta al 50% di sconto (si tratta per metà di un dono). Il pulcino, se sbattuto, faceva pio pio, all’apertura ci ho trovato quest’ovetto che per l’appunto pigola. Non avendo capito che aveva la forma di un ovetto, sono rimasta delusa. Solo dopo due giorni ho realizzato che aveva la forma di ovetto e ora non potrei mai stare senza. Eccezionale.

Le Sorprese di Pluff dell'uovo Galak

Questo è il fondo. Due uova Galak prese in un Autogrill sul viaggio di ritorno al 50% di sconto, c’era scritto con “LE SORPRESE DI PLUFF”. A me è uscita questa roba, in pratica si tratta di due cosini di plastica che servirebbero a disegnarci dentro. Nell’uovo ho trovato anche mezza matita. Al moroso invece è uscito PLUFF (che a me era uscito l’anno prima, infatti questo è il mio):

Pluff cioccolato bianco

Ora io penso: il moroso stava per propormi di fare cambio sorpresa in un atto di generosità, per sua fortuna io già avevo Pluff dall’anno precedente e quindi Pluff è rimasto a lui, ma se le due uova in questione fossero capitate a due bambini piccoli? Perché a un bambino lo SCHIFO e ad un altro il piccolo Pluff? Perché fare sorprese tanto disomogenee? E’ ingiusto.

Un altro appunto: quest’anno la gallina di cioccolata regalata da nonne/zii non l’ho aperta, tanto non c’è mai niente dentro.

Riassunto delle puntate precedenti: ogni anno elenco ciò che trovo nelle uova di Pasqua. L’idea non ha bisogno di premesse, scavatele pure nei post degli anni passati (anche se ve lo sconsiglio, meglio quelle di quest’anno):

– Pasqua 2012
– Pasqua 2011

– Pasqua 2010
– Pasqua 2008

Le uova di Pasqua e le loro sorprese, specchio dell’esistenza (e dei contrasti che l’esistenza comporta), si perderebbero nel passare del tempo. Così invece, ne conservo traccia per sempre (non prendetemi sul serio).

L’immancabile post di Pasqua

Ci vuole, ci vuole. Avrei dovuto scriverlo prima o dopo, non di sabato, ma la frittata di maccheroni della zia Bice tipicamente adatta al sabato santo ispira. Vorrei annotare un paio di cose: venerdì santo non ha piovuto, come tutti i venerdì santi. Ma piove oggi e pioverà domani, ho visto un paio di colombe pasquali che avevano un ché di epico nel loro sbattere le ali alle terme di Baia mentre l’attacco di un pezzo dei Pink Floyd turbava il confine perfetto dell’acqua del tempio di Mercurio, per il resto ho realizzato che:
1 – Sono sempre più antipatica
2 – Sono sempre più latitante
3 – Vorrei fare scalo a Grado la domenica di Pasqua, gente per le strade correva andando a messa, l’aria carica di incenso, alle pareti le stazioni del calvario, gente fintamente assorta che aspettava la redenzione dei peccati.
4 – Il resoconto di se stessi e di ciò che sta accadendo si fa a capodanno e non a Pasqua quindi smetto.

Venendo alle cose più interessanti, per ora niente uova o quasi, aspetterò l’80% di sconto in autogrill o in outlet Lindt.

Per ora ho ottenuto:

1 – Una graziosa tartarughina spuntata da un ovetto da 1.79€ comprato da sola in un centro commerciale post nucleare mentre cercavo qualcosa per cenare (latte e cereali, in pratica). Speravo proprio che uscisse lei, poi ci ho giocato tutta la sera mentre ero impegnata in conversazioni assurde su irc. Per rispetto dei miei interlocutori ho tagliato la vista del desktop, ma ci sarebbe da scriverci un libro sopra.

2 – Dall’uovo di OSPEDALETTO D’ALPINOLO (un uovo che appare ogni anno, donato da enti misteriosi, e perennemente sfondato o sciolto a causa di viaggi poco ortodossi nei tir), è uscito, come prevedevo, un temperamatite, nonostante ci fosse scritto “CONTIENE MAXISORPRESA”. Il temperamatite è insensato: per temperare si devono infilare le matite nel naso di un maialino azzurro (o forse una mucca? ha le corna.)

3 – Ho appreso che nelle campane di cioccolata (dello zio/nonna) non si trova nemmeno il batacchio. :(

Jelousy, turning saints into sea, swimming through sick lullabies, choking on your alibis, but it’s just the price I pay, destiny is calling me, open up my eager eyes ‘cause I’m Mr.Brightside :(

Altre cose che mi rendono soddisfatta e che non interessano a nessuno: ho aumentato la ram del fisso a 10 GB e forse , ho pulito i contatti del controller delle casse e ora vanno assai bene, ho comprato 3 mousepad e un lettore di card portatile da €2.90, oggi piove e ho messo a lavare 3 jeans e le mie Converse col buco nella suola (mi rifiuto di buttarle, i buchi van bene) e ora che parto per nonsisadove non ho più niente da mettere, problema che mi fa simpatizzare con thesebelmann e il triste problema della sciarpina.

Questo post verrà aggiornato con altre eventuali sorprese di uova di Pasqua.

Storia delle sorprese pasquali (non leggeteli, sono post inutili):

(2011)

(2010)

(2008)

Strano che manchi un elenco delle sorprese del 2009, annata in cui il numero di uova di Pasqua scartate è stato proporzionale al numero di film visti al cinema. Una tradizione lunga una vita.

Sanfalotte con spretz taori

Volevo parlarvi di una ricetta simpatica scovata oggi su Cooking Strange. Si tratta di un piatto tipico del Sud della Francia, che in Camargue chiamano Sanfalotte ma che cambia di nome di regione in regione. E’ un piatto veloce da preparare ma abbastanza raffinato e che solitamente si accompagna con foie gras o fettine di vitella.
Per la preparazione, è necessario:

– Due bicchieri di latte
– 6 uova
– Pane raffermo
– 100 g di spretz taori, ma va bene un qualsiasi altro formaggio dolce
– Olio d’oliva per la frittura
– Olio di semi per la frittura
– Tocchetti di pollo, patate e piselli
– Sale

Innanzitutto, friggete qualcos’altro nell’olio di semi che vi servirà per accompagnare la Sanfalotte. Dopo, scolate l’olio di semi nel lavandino e riempite la padella d’olio d’oliva.
Sbattete le sei uova in un piatto, aggiungendo sei pizzichi di sale (uno per ogni uovo), lo spretz taori grattato, e, gradualmente, i due bicchieri di latte, in modo che il composto sia ben miscelato. Spezzettate il pane in pezzi di varie dimensioni. Fate in modo che al 40% sia in pezzi grandi, il restante 60% in pezzi sempre più piccoli.
Versate l’uovo in padella e quando inizia a solidisficarsi unite con il pane, i tocchetti di pollo, patate e piselli precedentemente preparati a bagnomaria.

In sostanza si tratta di una frittata molto ricca e particolarmente dolce e morbida.
Condire con tabasco e salsa magrebina a piacere.

Buon appetito!

Dedico questo atipico post a tutte le mie numerose amicizie con l’hobby della cucina.

Altre gustose ricette su Detersiviallaspina: Cornettone 2009

Ricettario per l’estate

Idee malsane per l’estate.

Occorrente:

Un panificio di basso livello a Palma Campania che importi “Cornettone” nelle vostre terre

Un CORNETTONE (necessariamente di dimensioni superiori a quelle del vostro cane, sperando che non abbiate un labrador ma solo un west highland white terrier come il mio) del valore commerciale di 5 euro, scadenza 28/10/09 (avevo proposto di conservarlo per la mia festa di compleanno, ma alla fine è stato deciso di farlo fuori subito)

La canzone dell’estate: Baccini – Il topo mangia il gatto

Panna spray Conad (valore commerciale: 1 euro)

7 uova di Pasqua acquistate al 70% di sconto dopo Pasqua, Lindor fondente, Lindor al latte, nocciolato Lindt, da distruggere prima che i 40 gradi in casa prendano il sopravvento su di loro (in questo caso è stato troppo tardi…), almeno 1 kg e 350 grammi altrimenti non c’è gusto

Un bicchiere di latte

Un pentolino

Un vassoio che possa contenere ‘Cornettone’

Un cucchiaio

Colla stick UHU

Forbici da disegno

Forno o pietra pomice

Preparazione

Scegliere accuratamente fra le uova di Pasqua a vostra disposizione il cioccolato che intendete sciogliere, se l’intento non è solamente quello di assassinare i vostri amici e nemici ma anche di fare merenda personalmente, scegliere il migliore possibile e porlo nel pentolino

Riscaldare il cioccolato ed aggiungere il bicchiere di latte fino a che il cioccolato non sarà completamente fuso

Mentre somministrate calore, si raccomanda di amalgamare la miscela

Mettere Cornettone in forno per 5-6 minuti

Tagliare Cornettone con le forbici da disegno

Guarnire Cornettone utilizzando Cucchiaio ed il cioccolato fuso

Decorare Cornettone con Panna Spray

Godersi Il Film di Billy Ballo

Ora Cornettone è pronto per essere mangiato!

E dopo ricordatevi di pulire la pentola dal cioccolato fuso avanzato mangiandolo con il cucchiaio!

Billy Ballo torna presto da noi. :(

(Chissà perchè dopo ci siamo sentiti male?)

Notare la categoria che ho scelto per l’intervento: Salute e benessere