Anime che potrei dimenticare di aver visto

Scrivere quest’articolo è necessario. Mi sono ricordata, con dei flash improvvisi, di aver visto delle cose in questi ultimi anni, che avevo dimenticato. Per questo scrivere è importante: di alcune cose che ci colpiscono meno non resta traccia. Ecco quindi una lista di anime di cui non vi avevo parlato.

Sora no woto – Il canto del cielo

6940964-sora-no-woto

Di quest’anime mi ricordo bene: la cosa più difficile da ricordare è stata solo il titolo. 13 episodi di un anime quasi slice of life ad ambientazione militare femminile, molto particolare. Regia di Mamoru Kanbe, la stessa di Elfen Lied, cosa che mi ha spinto a vederlo. E’ molto raffinato e concilia il sonno pomeridiano. Esiste anche un manga in 2 volumi inedito in Italia, del 2009. L’anime è del 2010.

Time of Eve

Time-of-Eve1

Di Time of Eve esistono due versioni: 6 episodi da 15 minuti, oppure un film completo di circa due ore. Ciò che consiglio per la praticità di visione è ovviamente il film. In Time of Eve si seguono gli avvenimenti all’interno di un atipico bar, a cui è consentito l’accesso sia agli androidi che agli esseri umani, a patto che non si facciano domande riguardo la loro natura. Time of Eve è quindi ambientato in un futuro in cui esseri umani ed androidi coesistono, ma gli androidi sono subordinati agli esseri umani e non è a loro riconosciuta una vera e propria identità. Attingendo molto da Asimov, Time of Eve vuole sottolineare quanto sia difficile stabilire una morale quando si parla di androidi e di esseri umani e se sia giusto non riconoscere loro dei veri diritti.
Un anime davvero ben fatto ed intelligente, che purtroppo non aggiunge nulla a quanto la letteratura e la cinematografia moderna occidentale non abbiano già fatto.
Film del 2010, anime del 2008. Dall’anime è stato tratto anche un manga in 3 volumi inedito in Italia. (2010)

“Are you enjoying the Time of Eve?”

Hotarubi no mori e – Nella foresta delle luci delle lucciole

-Gin-and-Hotaru-hotarubi-no-mori-e-36865029-1600-1112

Film del 2011 tratto da un volume unico del 2002 (inedito in Italia) di Yuki Midorikawa (autrice di Natsume degli Spiriti). E’ un prodotto molto bello che attinge dall’immaginario giapponese e, credo, anche se un simile accostamento può sembrare eccessivo, agli insegnamenti della scuola Ghibli. E’ che l’atmosfera ricorda molto, all’inizio, quella della Città Incantata: dopo un viaggio per raggiungere gli zii, una bambina, Hotaru, incontra nella foresta un ragazzo, che è in realtà uno yokai. I due si incontreranno ogni estate, e mentre Hotaru diventerà una ragazza adulta, il tempo di Gin, che è uno yokai, appare sempre immobile. Una storia romantica e delicata, consigliata. Fansub.

Pale Cocoon

pale-cocoon5

Un oav del 2006. Pochi minuti, solo 23 minuti, ma davvero splendidi. Ambientazione sci-fi post apocalittica, in un non lontano futuro gli uomini vivono in delle alte strutture metalliche senza poter vedere né la superficie terrestre né il cielo, e lavorano per il recupero della memoria mondiale, chiedendosi come fosse la vita degli esseri umani prima di essere costretti a rifugiarsi qui, lontani da tutto ciò che un tempo il pianeta offriva.
Bellissimo.

ME!ME!ME!

mememe

La cosa più difficile qui è sempre ricordare i titoli. Corto sperimentale (collegato agli studi Khara/Gainax) di 8 minuti che non necessita nemmeno di fansub, reperibile in rete. Una critica alla società e alla visione del sesso dettata dall’industria pornografica attuale. Questo riassunto in due righe da due lire. Potrei scriverci un trattato e non lo farò. Ottimo.

Madoka Magica

687474703a2f2f626c6f67696d672e6e6766696c65732e636f6d2f3930303030302f3930303330302f3839323138393032315f5075656c6c612d4d6167692d4d61646f6b612d4d61676963612d7075656c6c612d6d6167692d6d61646f6b612d6d61676963612d33352e6a7067

Mi stavo dimenticando il meglio. 12 episodi e 3 film (i primi due che riassumono quanto accaduto nell’anime), Madoka Magica è… E’ molto difficile dare un giudizio. Genere Majocco (anime di “maghette”), ma in cui dramma, paure e linea del tempo si intrecciano in una serie molto strana. Splendide animazioni, bei personaggi. In pratica ciò che direi è che Madoka Magica sembra creata apposta per farne dei doujinshi porno. In realtà forse lo sto rivalutando a distanza di molto tempo. Sicuramente Madoka Magica è un anime fuori dal comune che può essere più o meno apprezzato a seconda della fascia di età, che non è comunque quella alla quale sono solitamente destinati gli anime majocco. Da vedere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...