Preso nel vortice, Diaframma

Alcuni testi dal nuovo cd dei Diaframma, “Preso nel vortice”, uscito a novembre. Dato che cercavo i testi e non li trovavo, provvedo a condividere.

Diaframma 2013, Preso nel Vortice

Atm

Cos’è rimasto di un cuore che ti amava tanto
Un cuore che ti amava
Sei rimasta a letto, un’ora senza fare niente
Senza lavarti i denti.

E nel frattempo il diavolo ti è entrato dentro
Il diavolo ti è entrato

E’ solo un sogno, un misero capitoletto
Nel grande tuo romanzo

Amore mio, ridi con gli occhi nella speranza che io ti tocchi, ecco perché vai bene per me, lettera x di mister x
Amore mio, ridi con gli occhi nella speranza che io ti tocchi, ecco perché vai bene per me, lettera x di mister x

E mia sorella mi dice devi stare attento che è una manipolatrice.
Che posso farci, se sei molto più intelligente e arrivi sempre prima

E’ stato meglio che un misero arrivederci, non esserci incontrati
Amore mio, ridi con gli occhi nella speranza che io ti tocchi, ecco perché vai bene per me, lettera x di mister x
Amore mio, ridi con gli occhi nella speranza che io ti tocchi, ecco perché vai bene per me, lettera x di mister x

Claudia mi dice

Claudia mi dice “Voglio provare quasi ogni tipo di droga tanto lo so che poi ne esco fuori”
Con le mie amiche ermafrodite caliamo il nostro asso di cuori siamo tutte più o meno fans del Teatro degli Orrori
Più o meno fans o più o meno cool
Più o meno fans o più o meno cool
Claudia mi dice questa mattina sono venuti i ladri quando non c’ero
E’ la terza volta nell’ultimo mese
Quello che è strano e che non mi spiego è che non era successo mai prima, in tutti questi anni, solo l’ultimo mese.
Più o meno il tempo che noi stiamo insieme
Più o meno il tempo che noi stiamo insieme
Cosa ne sai tu dell’amore?
Strano gioco di società che dobbiamo pur far
Che fa brillare i polsi e brillare le coronarie
Strana prova di abilità di ondeggiare senza cadere
Claudia mi dice voglio provare quasi ogni tipo di droga tanto lo so che poi ne esco fuori
Con le mie amiche ermafrodite caliamo il nostro asso di cuori, siamo tutte più o meno fans del Teatro degli Orrori
Più o meno fans o più o meno cool
Più o meno fans o più o meno cool

L’amore è un ospedale

Questo amore è un ospedale non è detto che sia un male, no
Sì lo so che non si dice ma io ho detto che mi piace un po’
Qui mi sento riverito non mi era capitato mai
Questo posto mi comprende trovo tutto quello che mi serve
Hai promesso di venire a prendermi quando la dialisi finirà
Hai promesso di non arrenderti finché il male passerà

In questo posto l’amore è un velo
In questo posto vicino al cielo
In questo posto tutto è più vero

Quello che mi ci ha portato non l’avevo valutato mai
Qui viviamo i nostri giorni, torneremo anche più forti noi
Sì lo so che ti ho deluso ma contenta non sei stata mai
Nostalgia di un letto sfatto, non c’è mica il mio ritratto

C’è un odore qui, sulla pelle mia
Che non avevo avuto mai
E’ buonissimo, vieni a prenderlo, parla sempre un po’ di noi
Noi, in questo posto sei ancor più bella
In questo posto sei la mia stella
In questo posto sei ancor più bella
In questo posto sei la mia stella

L’uomo di sfiducia

Tu non vuoi venire con me perché dici che io vado con tutte
Tu non vuoi ascoltare me, preferisci credere a quel che dice la gente
Tu non vuoi venire con me, chissà cosa poi ci stiamo perdendo
Ma non è vero
Ma non è vero
Mi devi credere, dietro la porta di un cimitero ci sono vuoti a rendere
A rendere

Tu non vuoi che regali a te
Tutta la discografia dei CCCP
Dici che non sei in vendita e che comunque non ti corrompo così
Sei più dura del ferro battuto
Ed ogni volta io, io mi ci spezzo le corna

Ma non è vero, ho un po’ di soldi e il primo pensiero è
Farti felice, cosa mi costa? Che li guadagno a fare, a fare senò?

Non ho voglia di infilarmi in un cinema
Accarezzarti la mano che è sempre un po’ gelida
Non ho voglia di cambiarmi la foto per documenti che non userò mai
Tu non vuoi venire con me perché dici che io vado con tutte
Ma non è vero, ma non è vero, mi devi credere
Dietro la porta di un cimitero ci sono i vuoti a rendere

Luglio 2010

Lasciami qui su questa vecchia strada, non mi ammazzare subito
Lasciami qui e dove vuoi che vada, volevo vivere ancora un po’
Perché mi voglio riappropriare di quel che era la mia vita prima di te
Lasciami qui, ogni speranza è vana di esser felici io e te
Meglio così, e questa settimana voglio dormire quattro giorni interi
Perché solo nei sogni esiste quello che cerco, quello che chiamo serenità
Chi ti abbandona e chi non ti lascia mai, la soluzione per quelli come noi non c’è
Non c’è
Quando sei qui la vera vita è altrove, e viceversa quando non ci sei
Meglio così e non importa dove, da qualche parte ricomincerò
Vorrei, e qualcuno mi spiegasse, cos’è peccato, la vita eterna, la verità.
Chi ti abbandona e chi non ti lascia mai, la soluzione per quelli come noi
Chi ti abbandona e chi non ti lascia mai, la soluzione per quelli come noi non c’è.
Non c’è.

Tutte le strade

Tutte le strade sono nostre, amore mio
Nella città di notte amore mio
Sembra di vivere un’altra epoca però questa grazie al cielo non fa male
Tutte le strade sono nostre, amore mio
Nella città di notte, amore mio
Ci insegna piccoli trucchi e nascondigli, l’importante è non cadere
Abbandonato cuore mio
Ogni tanto io ti penso
Come un altro me stesso e non esiste più
Abbandonato cuore mio
Questa sera io esco
Con ansia tremenda per quello che accadrà

Lo sguardo avvolge tutto amore mio
Ma molte cose le perde che so io
Piccoli puntini bianchi prendono il posto di quello che non riesce a trattenere
Accettare che le cose muoiono amore mio
Proprio a un passo da noi amore mio
Non poter farci niente
E non potere farci niente

Abbandonato cuore mio, questa sera io esco
Come un altro me stesso che non esiste più
Abbandonato cuore mio, ogni tanto ti nascondi
Per tirare avanti in questo mondo qua

Venisse il sole

Venisse il sole qui
Venisse il sole
Venisse il sole io correndo
Tutta l’eternità
Tutto l’eterno
Tutta l’eternità in un’ora
Bastasse solo una
Una parola
A esprimere tutto quel che ho dentro
Tutto il silenzio che
Poi seguirebbe sarebbe la logica conseguenza

Venisse il sole qui
Venisse il sole ed io correndo
Tutta l’eternità
Tutto l’eterno
Tutta l’eternità in un’ora

Voglia di

Voglia di vivere perché non vieni a giocare
Sotto gli alberi c’è ancora il fresco della notte
Perché non vieni qui

Perché non vieni qui
Voglia di crescere senza fare danno
Compiacendo un’idea di se stessi nel mondo
Perché non vieni qui
Perché non vieni qui

Onde che si infrangono
Onde che si riflettono nel cielo che vuoi tu
Semplicemente blu

Voglia di perdere la strada di casa
Che è vuota da quando se n’è andata
Voglia di passare i giorni a fare niente
Perdonando quest’indecenza di sopravvivere
Di sopravvivere

Onde che si infrangono
Onde che si riflettono nel cielo che vuoi tu
Semplicemente blu

Annunci

One thought on “Preso nel vortice, Diaframma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...