Shojo brutti: Momo + Hell Girl

Momo di Mayu Sakai 

Evidentemente la Panini Comics ha adottato una nuova tecnica per dare maggiore rilievo alle sue pubblicazioni di cosiddetta “fuffa”. E non c’è modo migliore per fare breccia nel cuore di una ragazzina e farle acquistare Momo anziché un altro manga sbrilluccicoso glitteroso qualunque che mettere in allegato un fantastico gadget, che ne so, un BRACCIALETTO.
D’altronde la ragazza attratta da un braccialetto di plastica rosa con delle perline e la medaglietta di Momo come potrà rimanere delusa dal fumetto acquistato?
Oh insomma. Che mi aspettavo. In copertina c’è una bambina con i capelli rosa piena di fiocchetti e vestita come una piccola lady inglese.
La trama è molto semplice: Momo è un grande demone, la sua occupazione è distruggere pianeti. E’ accompagnata da due maggiordomi un po’ gay, uno biondo e particolarmente gentile ed un altro bruno, sempre gratuitamente antipatico con la protagonista, Yume.
Yume è la classica e inutile liceale giapponese, uguale a quella di tantissimi altri manga. E’ stata scelta da Momo come rappresentante del genere umano per darle sette buoni motivi per salvare il pianeta! Momo dà a Yume un “contatore”: un braccialetto sul quale si aggiungeranno tanti ciondoli quante le motivazioni che Yume le riuscirà a dare; quindi in qualche senso il braccialetto in allegato ha una motivazione, anche se è differente da quello che si vede nel manga.
L’autrice poteva almeno trovare un titolo più intelligente ed esplicativo.
Non so, “Orsacchiotti gothic”.

Ho gradito più la storia autoconclusiva in fondo al volume che il manga stesso.
Si intitola “Il tuo modo di salvare il mondo”. Parla di due ragazzini che, fidanzatisi alle medie, hanno paura che il trasloco di lei e il passaggio alla scuola superiore li porti a lasciarsi. Seppure di nessuna importanza, è una storia delicata e piacevole da leggere.

Consigliato a: chi vuole leggere qualcosa di kawaii e poco impegnativo. Si tratta solo di 4 volumi, tutti sbrilluccicosi. Non vi aspettate che i personaggi si comportino in maniera intelligente.

Curiosità: in copertina c’era scritto “Dall’autrice di Rockin’Heaven!!!” Wow.

Hell Girl

Assolutamente ORRENDO. Non che avessi molte pretese: erano mesi che lo vedevo esposto, mi incuriosiva ma sapevo già che non ne sarebbe valsa la pena. Infine mi è capitato le mani e per grazia di dio almeno non l’ho pagato. Pagare un simile ORRORE sarebbe stato veramente troppo, contro ogni mio principio. Veramente sotto ogni mia già bassa aspettativa. DISGUSTOSO. ASSOLUTAMENTE DISPREZZABILE. VERGOGNOSO. Nella vita mi sono capitati pochi manga così brutti, ed Hell Girl è uno di quelli. Uno di quei manga che ti dà fastidio avere per quanto fanno schifo. Il mercato è pieno di shoujo inutili e piuttosto stupidi, ma che tutto sommato sono in grado di intrattenere – che a volte ti fanno anche un po’ ridere per la loro ingenuità; fumetti per i quali non vorresti spenderci i soldi, ma che, se te li danno in mano, puoi anche leggerli, al posto di vedere Dawson’s Creek in tv.
No, Hell Girl no. Fa INNERVOSIRE. Vediamo di capire perchè.
La storia: Ai Enma è Hell Girl, ma compare in 2 pagine su 30. Non cambia mai faccia, non dice mai niente di nuovo, non fa nulla. E’ una studentessa e non si sa perchè è sempre nella stessa classe delle ragazze che aiuta. Ciò che ripete in ogni episodio (peggio delle presentazioni di Sailor Moon) è: Che ne dici di provare a morire? Una maledizione scava due fosse: se vuoi che ti vendichi dovrai pagare anche tu un prezzo. Dopo la tua morte la tua anima andrà all’inferno, dove vagherà per  sempre tra atroci tormenti.)
Per richiedere l’aiuto di Hell Girl bisogna collegarsi al suo sito alla mezzanotte, è l’unico momento della giornata in cui è disponibile. Lei si vendicherà per te mandando all’inferno la persona che ti ha fatto del male, al modico prezzo della tua anima, che finirà anch’essa all’inferno.
Ma PERCHE’ CHIAMARLA? Perchè non vendicarsi da soli a questo punto?
Tra l’altro guarda che strano per uno shoujo, Hell Girl aiuta solo ragazze, per motivi del calibro: buuh la mia amica mi ha rubato la merenda ora la mando all’inferno!!!
Ovviamente tutte le ragazze che si collegano al sito, non vedendo agire Hell Girl immediatamente, vogliono prima suicidarsi, e Hell Girl compare proprio in quel momento.
Storia 1: Le mie compagne di scuola copiano i miei compiti e fanno la merenda a mie spese, non mi resta che buttarmi dal balcone :( Anzi ora chiamo Hell Girl così uccide la mia compagna cattiva.
Storia 2: Che bello fare i pasticcini ^___^ Ho inventato un nuovo dolcetto che non ha mai visto nessuno, una crostatina con la frutta sopra. E’ troppo innovativa! Oh no me l’hanno rubata e sto morendo per il dolore :( Ora chiamo Hell Girl.
Storia 3: Sono un attrice del cinema troppo figa e devo interpretare un film in cui sarò Hell Girl anche se porta sfiga. La mia migliore amica però è invidiosa, per colpa sua adesso sono paralizzata a vita su una sedia a rotelle in modo che potesse rubarmi la parte dunque la faccio togliere di mezzo da Hell Girl.
Storia 4: Mi è morto il pesce rosso, ora mi taglio le vene :( Nooo c’è Hell Girl!!! Lei mi vendicherà non mi ammazzo più!!!
Storia 5: Il professore mi ha sfiorato il seno piango e tutti pensano che sono troia ç_ç Ora mi uccido ah no è arrivata Hell Girl!! Potevo risolvere tutti i miei problemi da sola ma sono troppo scema e preferisco andare all’inferno grazie Hell Girl!!
Ovviamente la storia più bella è la numero 4. Il manga vorrebbe essere horror infatti alcune scene cercano di essere inquietanti, ma i risultati sono pessimi, il massimo al quale si riesce ad arrivare è un coniglio vestito da dottore che porta in sala operatoria il veterinario cattivo. Hell Girl è aiutata da una donna il cui viso è per metà scheletro (disegnato in un modo poi… che paura.) ed un ragazzo con un occhio gigante, che però se non fai attenzione non te ne accorgi nemmeno che sono apparsi nell’angolo di una vignetta ogni 50 pagine.
I disegni sono carini, in perfetto stile shoujo. Facce tutte uguali, espressività zero, c’è solo la modalità spaventata é.è e quella felice :| (la felicità non va oltre la faccina “:|”). No fondali no party. Insomma sarebbero stati dei disegni carini per un manga intitolato “Sussurri dal mio tenerissimo cuore” che parlava di amori ai tempi delle elementari, invece Hell Girl vorrebbe essere una storia macabra…
Esiste anche l’anime, vi lascio le sigle in ascolto su Youtube:

 

http://www.youtube.com/watch?v=scc7HrBK8G4

http://www.youtube.com/watch?v=oP-_hLbWszc&feature=related

Sembra meno brutto del manga, forse hanno colmato l’inadeguatezza del disegno con le musiche e i colori, potrebbe essere una specie di Sailor Moon dark…
Consigliato a: nessuno, se mi regalassero i restanti 7 volumi probabilmente mi rifiuterei di prenderli.
Perchè ho Hell Girl in casa: me l’hanno regalato. Con 10 euro di spesa alla Starshop c’era un fumetto in regalo a scelta tra vari titoli per lo più brutti. Quindi con due Trigun Jpop ho avuto Hell Girl in regalo. Col cazzo che lo pagavo.
Evviva l’happy hour durante il quale sono stata riempita anche di altri fantastici gadget.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...