Burn After Reading – A prova di spia

“MA CHE CAZZO DI CASINO.” Agenti della CIA, chiudendo il dossier del caso.

“Ma è un film dei fratelli Coen! Ora è tutto chiaro!”

“I peggiori 7 euro spesi della mia vita.”


“… Ma è finito?”
(Alessandra, Rosa e Leonilde su Burn After Reading)


“QUESTO SI’ CHE E’ CINEMA D’AUTORE.”
(Lady Justice su Burn After Reading, mostrando SENSIBILITA’ ARTISTICA.)

“Ma perchè andate a vedere Burn After Reading?!” “Perchè dobbiamo vedere George Clooney, Brad Pitt e John Malkovich! >_>“, ovviamente. “Ma John Malkovich ha
settant’anni!” E invece no. Ne ha solo 55.
Se qualcuno vi chiederà, all’uscita dal cinema: “Com’era il film?”, potrete rispondere: “E’ dei fratelli Coen.” In questo modo avrete detto già tutto.
E mi spiace, vi ho rivelato il finale del film, quindi non potrete più vederlo, perché ormai sapete già troppo. Sì. Dove? In “MA CHE CAZZO DI CASINO.” E avevano ragione, meno male che se lo dicono da soli, i Coen.
In una sala del Warner dove sarebbe stato più idoneo proiettare un film horror (per il pubblico, una rimpatriata involontaria del liceo in tutte le salse e per tutti i gusti, e non solo per me), dopo NON E’ UN PAESE PER VECCHI, pluripremiato film di qualche mese fa, avevo rimosso che Burn After Reading fosse degli stessi cari fratelli, o forse non l’avevo preso molto in considerazione, e sembra che la cosa sia dispiaciuta alle altre vittim… cioè, alle mie compagne.
Ma veniamo alla storia (attenzione, la trama verrà rivelata totalmente!): John Malkovich è un ex agente della CIA che è stato appena licenziato, la moglie scopa con George Clooney e progetta di divorziare da Malkovich, Malkovich insomma è un po’ depresso; pensa allora, per occupare il tempo, di scrivere un libro delle sue memorie di agente. Tali dati, registrati su cd, finiscono per delle casualità in una palestra di DEMENTI, popolata da Brad Pitt (forse utilizzato come esca per clienti femminili) e tale gallina Linda Lizkie
(Frances Mc Dormand, moglie di Joel Coen) i quali iniziano a credere di aver trovato dei files importantissimi riservati scottanti segreti cazzi e mazzi etc etc.
Brad e Linda decidono di restituire le memorie solo se Malkovich pagherà un cospicuo riscatto. Brad Pitt ci mette tutto se stesso per interpretare un idiota puro, riuscendoci perfettamente; la gallina sogna di ottenere tramite Malkovich il denaro necessario per: una rinoplastica, una liposuzione ai glutei, una liposuzione alle braccia, un lifting facciale, una plastica al seno, basta (come? di già?), che stranamente la sua assistenza sanitaria non aveva voluto finanziare. In breve, in un’ora e mezza di film: John Malkovich non cede al ricatto dei due imbecilli, i due imbecilli vanno all’ambasciata russa con il cd e promettendo molte altre informazioni dello stesso genere in cambio di denaro, i russi rimangono un po’ perplessi; George Clooney scopa con la moglie di Malkovich, con un’altra donna e con la gallina desiderosa di chirurgia plastica, tutto ciò all’insaputa di sua moglie perennemente fuori
città per lavoro, nel frattempo tale moglie di Clooney fa pedinare Clooney per causa di divorzio e si fa ingroppare da un altro; John Malkovich non riesce più a entrare in casa perché la moglie ha cambiato la serratura e in tale luogo la moglie si scopa Clooney; i russi pedinano tutti; Brad Pitt entra a casa di Malkovich dove però c’era Clooney con l’intento di rubare informazioni da vendere ai russi in cambio di denaro per la gallina, accade perciò che Clooney si spaventa e spara in fronte a Pitt nascosto in un armadio, non comprende di
chi si tratti, lo sotterra e immagina che sia un agente della CIA; nel frattempo Malkovich indaga con amici per capire perché la gallina e Brad Pitt ormai morto
lo ricattino; i russi sono sempre in giro, la CIA passa di lì, la gallina chiede aiuto a Clooney perché si ritrovi Pitt, Clooney se la scopa e le regala una poltrona mobile con dildo dondolante, la moglie di Clooney lascia Clooney e Clooney è depresso, Clooney scopre che Pitt è l’uomo che ha ucciso e crede che la gallina sia della CIA, la gallina non capisce un cazzo e vuole solo un restyling chirurgo-plastico, Malkovich entra in casa e uccide un vecchio innamorato della gallina che passava di lì, la CIA uccide Malkovich, sono morti
un po’ tutti, c’è solo la gallina che dice di custodire segreti importantissimi che renderà noti a chi le finanzierà gli interventi, e alla fine, lì negli uffici segreti dei pezzi grossi, che non capiscono perché questi dementi stia facendo tutto questo, qualcuno dice: “e finanziamoglieli”, “E MA CHE CAZZO DI CASINO!” E che non se ne parli più.
Quindi, in conclusione, dopo questa breve e chiarissima sinossi, possiamo affermare: finalmente, basta con le banalità, basta con i protagonisti dei film che vivono, facciamoli morire un’ora prima della fine del film!, basta con le storie che abbiano un senso e un perché, basta con le storie con un finale, basta con delle storie ordinarie e ben organizzate!, il cinema d’autore è altro, viva le storie alla cazzo di cane!
Quindi, ispirate da ciò, annuncio che prossimamente avrete sul grande schermo: “LA GIOSTRA CHE UCCIDE I BAMBINI”, un film che verrà realizzato nella piazza
del mercato, incentrata su di una giostra abbandonata ruotata di pigreco mezzi che divora anime innocenti, il tutto rigorosamente seguendo questa nuova filosofia cinematografica di influenza statunitense del cazzo a mazzo, un progetto da lungo tempo nel cassetto ma che oramai abbiamo capito potrà fare davvero successo (specialmente al confronto con perle horror come “NeraPecora”).

(Seriamente: Burn After Reading mi è piaciuto, ma non lo consiglio a nessuno. E’ normale pensare una cosa simile?)

Annunci

6 thoughts on “Burn After Reading – A prova di spia

  1. ok…grazie per aver postato tutte le mie battute idiote…io il film non lo consiglio a nessuno…forse agli stitici!!per quanto riguarda la nostra prossima produzione cinematografica,cominciamo a trovare i bambini protagonisti!!e comunque io le pecore voglio ancora andarle a vedere!!!"E\’ UN FILM DEI FRATELLI COEN…HO DETTO TUTTO"!

  2. Pingback: Ladykillers « … And Justice For All

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...